È stata presentata presso l’Ente Provinciale per il Turismo di Salerno la XIX edizione della Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico, in programma da giovedì 27 a domenica 30 ottobre 2016, promossa dalla Regione Campania in collaborazione con la Città di Capaccio Paestum, la Provincia di Salerno, il Parco Archeologico di Paestum, la Scabec spa Società Campana per i Beni Culturali e ideata e organizzata dalla Leader srl con la direzione di Ugo Picarelli. L’area adiacente al Tempio di Cerere, il Museo Archeologico Nazionale e la Basilica Paleocristiana continueranno ad essere le suggestive location della Borsa.
Presenti, con la conduzione di Ugo Picarelli Direttore della Borsa, Corrado Matera Assessore allo Sviluppo e alla Promozione del Turismo della Regione Campania, Patrizia Boldoni Consigliere per i Beni Culturali del Presidente della Giunta Regionale e Presidente Scabec spa Società Campana per i Beni Culturali, Sebastiano Maffettone Consigliere per le Organizzazioni Culturali del Presidente della Giunta Regionale, Gabriel Zuchtriegel Direttore del Parco Archeologico di Paestum, Donatella Pannullo Assessore alla Cultura del Comune di Capaccio Paestum e Carmelo Stanziola Vice Presidente della Provincia di Salerno.
L’Assessore Matera si è soffermato sulla Commissione congiunta degli Assessori al Turismo e degli Assessori ai Beni e alle Attività Culturali della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome che avrà luogo il primo giorno della Borsa: “La decisione della Conferenza delle Regioni di convocare in Campania, a Paestum, per il prossimo 27 ottobre, la riunione degli Assessori Regionali, è un risultato straordinario che dimostra un’inversione di tendenza: oggi la Campania si pone come meta turistica ambita e c’è grande interesse per le nostre valenze, non solo balneari, in Italia e all’estero. Ciò dimostra che la strategia che stiamo attuando è vincente. In questo anche il turismo archeologico gioca un ruolo importante”. L’Assessore ha fatto il punto anche sul Testo Unico del Turismo: “È stata completata la ricognizione normativa che porterà la Campania ad avere il Testo Unico del Turismo. Partiranno subito le consultazioni con le parti (i soggetti portatori di interesse) per arrivare in tempi brevissimi a licenziare lo strumento normativo fondamentale per losnellimento delle procedure e la razionalizzazione della materia. Il Testo Unico si inquadra nella strategia intrapresa dal Presidente De Luca per cambiare pagina anche in materia di turismo e consentire alla Campania di recuperare il ruolo che di fatto merita. Stiamo andando avanti, lavorando tutti insieme. E i risultati stanno arrivando”.
Il Presidente Scabec Boldoni: “La Regione Campania ha una visione che ben si sposa con lo spirito che spinge da 19 anni gli organizzatori a realizzare la BMTA: al centro del nostro interesse comune c’è il bene culturale, colto in tutte le sue potenzialità, che deve essere promosso a livello nazionale e internazionale e che può diventare il mezzo per un dialogo interculturale e lo strumento di sviluppo del territorio. Nel mio ruolo di Presidente della Scabec sono inoltre molto legata al patrimonio archeologico, che è protagonista della nostra programmazione di eventi e visite notturne nei principali siti, tra cui i Templi di Paestum. Un programma che ha visto oltre 22mila presenze e che ha coinvolto Pompei, Ercolano, la villa romana di Minori, il museo archeologico di Lacco Ameno e dal prossimo anno si allargherà ai siti archeologici di Capri e Anacapri, la spettacolare Villa romana di Positano e il Vesuvio, simbolo di quel Grand Tour che continua ad affascinare i viaggiatori di ogni secolo”.
Il Direttore Zuchtriegel: “Siamo onorati della Borsa e dei suoi ospiti di altissimo livello, evento che esprime in pieno il nostro approccio, condiviso con la Regione: legare una comunicazione incisiva e l’apertura al grande pubblico con qualità del contenuto, degno del luogo che la ospita. Eventi come la Borsa creano crescita culturale ed economica e sono fondamentali al giorno d’oggi. Spesso ci dimentichiamo di avere un patrimonio davvero unico al mondo, estrema ricchezza in Campania: noi come Parco stiamo lavorando per cercare di adeguare il livello della gestione e della comunicazione al livello del bene culturale che è altissimo”.
Il Direttore Picarelli: “La Borsa viene ospitata per il quarto anno consecutivo nella suggestiva area archeologica di Paestum, per far vivere 4 giorni indimenticabili agli addetti ai lavori e al pubblico, con contenuti attualissimi come il dialogo interculturale (considerata anche l’importanza del turismo come fattore di integrazione), ma soprattutto quelli della promozione delle destinazioni e della valorizzazione dei siti culturali. Da sottolineare, inoltre, la straordinaria presenza istituzionale del MiBACT con il Ministro Dario Franceschini e i Sottosegretari Dorina Bianchi, Ilaria Borletti Buitoni e Antimo Cesaro, oltre che a Silvia Costa Presidente Commissione Cultura e Istruzione del Parlamento Europeo, Antonia Pasqua Recchia Segretario Generale del MiBACT, Giuliano Volpe Presidente Consiglio Superiore per i Beni Culturali e Paesaggistici, Caterina Bon Valsassina Direttore Generale Archeologia, Belle Arti e Paesaggio del MiBACT, Francesco Palumbo Direttore Generale Turismo del MiBACT, Fabrizio Parrulli Comandante Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale.
La BMTA si conferma un format di successo – testimoniato dalle prestigiose collaborazioni di organismi internazionali quali UNESCO, UNWTO e ICCROM – e un evento originale nel suo genere: sede dell’ unico Salone espositivo al mondo del patrimonio archeologico, con 100 espositori di cui 20 Paesi esteri, e di ArcheoVirtual, l’innovativa mostra internazionale di tecnologie multimediali, interattive e virtuali; luogo di approfondimento e divulgazione di temi dedicati al turismo culturale ed al patrimonio; occasione di incontro per gli addetti ai lavori, per gli operatori turistici e culturali, per i viaggiatori, per gli appassionati; opportunità di business nella splendida cornice del Museo Archeologico con il Workshop tra la domanda estera selezionata dall’Enit proveniente da 8 Paesi (Austria, Belgio, Francia, Germania, Olanda, Regno Unito, Spagna, Svizzera) e l’offerta del turismo culturale e archeologico.
Il programma prevede più di 60 appuntamenti e diverse sezioni speciali: ArcheoIncontri per conferenze stampa e presentazioni di progetti culturali e di sviluppo territoriale; ArcheoLavoro orientamento post diploma e post laurea con presentazione dell’offerta formativa a cura delle Università presenti nel Salone; ArcheoStartUp in cui si presentano nuove imprese culturali e progetti innovativi nelle attività archeologiche; ArcheoTeatro che prevede spettacoli e workshop di orientamento e formazione teatrale; Incontri con i Protagonisti nei quali il grande pubblico interviene con importanti archeologi e i noti divulgatori della TV; International Archaeological Discovery Award “Khaled al – Asaad”, il Premio alla scoperta archeologica dell’anno; Laboratori di Archeologia Sperimentale per la divulgazione delle tecniche utilizzate nell’antichità per realizzare i manufatti di uso quotidiano; Premio “A. Fiammenghi” per la migliore tesi di laurea sul turismo archeologico; Premio “Paestum Archeologia” assegnato a coloro che contribuiscono alla valorizzazione del patrimonio culturale; visite guidate ed educational per giornalisti e visitatori.