Sono disponibili in rete da sabato 22 ottobre i video che raccontano gli spazi di Palazzo Grassi e Punta dalla Dogana in maniera unica e innovativa.

Inaugurati nel 2006 e nel 2009, Palazzo Grassi e Punta della Dogana sono due luoghi espositivi consacrati ai linguaggi e all’arte del nostro tempo che hanno entrambi sede in alcuni degli edifici storici più affascinanti di Venezia.
Sia Palazzo Grassi che Punta della Dogana sono stati ristrutturati su commissione di François Pinault dall’architetto giapponese Tadao Ando, con due tipologie di interventi molto diversi per scrittura e scelte museografiche, mettendo per entrambi in valore la loro capacità di accogliere opere d’arte contemporanea nel rispetto formale e sostanziale più rigoroso dei due edifici.
« Questi video – ha detto Mauro Baronchelli, direttore operativo di Palazzo Grassi sono stati prodotti con un intento preciso : far emergere il pregio architettonico degli spazi, l’incantevole contesto urbano all’interno del quale sono inseriti e poi scoprire che, soprendentemente, possano dialogare con il contemporaneo in modo attivo e peculiare. Sono queste alcune delle caratteristiche distintive degli spazi espositivi veneziani che fanno riferimento alla Pinault Collection e che volevamo sottolineare in maniera inedita».
Un risultato ottenuto anche grazie all’utilizzo dei droni a cui si devono alcune delle più suggestive riprese realizzate all’interno, ma soprattutto in esterno, quando l’inquadratura dall’alto consente di leggere in maniera privilegiata il panorama urbanistico che si estende attorno alle sedi espositive.
I due video, al quale se ne aggiungerà presto un terzo, dedicato al Teatrino di Palazzo Grassi, sono online sul sito di Palazzo Grassi e sono visibili anche sui social della Fondazione. Dalla loro messa in rete hanno già ottenuto 17 milavisualizzazioni, ma soprattutto più di 500 condivisioni, a conferma dell’effetto identitario generato da queste immagini.