Manca poco più di una settimana (13 novembre) alla chiusura delle due grandi mostre al Forte di Bard, “Marc Chagall. La Vie” e “Elliott Erwitt Restrospective” che hanno a oggi catalizzato migliaia di visitatori nella spettacolare roccaforte all’ingresso della Valle d’Aosta, che da ben 10 anni ospita alcune delle iniziative e delle esposizioni internazionali di maggior successo in Italia. Domenica 13 novembre sarà l’ultimo giorno per visitarlo e poter ammirare le due grandi mostre che hanno segnato l’estate con numeri da record in termini di affluenza. Solo nel Ponte di Ognissanti, hanno contribuito al boom di visite alle proposte del Forte – 11.626 ingressi in quattro giorni -, rafforzandone il ruolo di polo espositivo di grande richiamo nonché traino importante per l’economia del territorio e interessante alternativa turistica nei periodi di bassa stagione.

La mostra Marc Chagall. La Vie – che in soli 4 giorni ha registrato ben 3.482 visitatori – affascina il pubblico per l’ampia gallery di opere che ripercorrono l’intera produzione artistica del pittore. 265 tra dipinti, acquerelli, gouaches, litografie, ceramiche e tappezzerie, contando anche l’intera serie delle 105 tavole della Bibbia, a testimonianza della sfida tra l’artista russo e le correnti della pittura moderna. Culmine dell’espressività del maestro del colore è  l’imponente capolavoro La Vie, l’olio su tela realizzato nel 1964 della Fondation Marguerite et Aimé Maeght di Saint-Paul-de-Vence, per la prima volta in Italia.

Il prossimo weekend sarà anche l’ultimo per lasciarsi incantare dai 137 scatti selezionati personalmente dal fotografo dell’allestimento Elliott Erwitt Retrospective, realizzato in collaborazione con Magnum Photos Paris. Anteprima mondiale di un nuovo progetto di celebrazione dell’immensa opera di uno dei più grandi protagonisti di quest’arte, le immagini – in bianco e nero e a colori – raccontano il suo punto di vista ironico e irriverente, suddivise per 9 sezioni: Beaches, Cities, Abstractions, Museum Watching, Dogs, Between the Sexes, Regarding Women, Kids, Personalities. In mostra anche un video con un’intervista a Elliott Erwitt registrata in esclusiva per il Forte di Bard nel suo studio di New York.

L’offerta espositiva del Forte per il week end si compone anche con la personale dell’artista Marco Del Re – Madri italiane, un insieme di bassorilievi in gesso espressamente creati per essere collocati nella sala della Polveriera del Forte, e l’esposizione dedicata al dietro le quinte del film Avengers: Age of Ultron (la mostra riaprirà al pubblico dal 7 dicembre al 6 gennaio 2016) , pellicola amata da grandi e piccini, fan del magico mondo dei fumetti, che ha visto il Forte stesso come location delle riprese di apertura. L’offerta permanente comprende il Museo delle Alpi, il percorso interattivo Le Alpi dei Ragazzi, il percorso delle Prigioni dedicato ai grandi personaggi del Forte e alla sua evoluzione architettonica. Da scoprire anche l’itinerario FdB Modern, che presenta oltre 40 opere di arte moderna e contemporanea lungo i camminamenti del Forte e in alcune sale dell’Opera Carlo Alberto.

Il Forte di Bard riaprirà al pubblico mercoledì 7 dicembre con l’esposizione delle oltre 140 foto e i 12 video vincitori del World Press Photo 2016, la 59ma edizione del più importante riconoscimento internazionale del fotogiornalismo che, per un anno, hanno documentato e illustrato gli avvenimenti del nostro tempo sui giornali di tutto il mondo.