Coinvolgere i giovani nelle arti non è sempre un compito facile ed è ancora più difficile se si tratta di scultura lignea, una forma espressiva poco praticata ai nostri giorni. L’I.S.I.S. Zenale e Butinone di Treviglio e l’associazione Olmo d’Oro di Carugate, sono però riusciti in quest’impresa e hanno collaborato per creare un corso di 6 settimane – due ore a lezione – per gli studenti delle classi 1° ARG e 1° BRG, indirizzo Operatore Grafico Multimedia.
Promosso dall’Olmo d’Oro e fortemente voluto dalla Preside Paola Pellegrini, questo corso aveva il compito di avvicinare 36 giovani a una diversa espressione artistica, quella della scultura, e di indirizzare la loro creatività verso un elemento materico con cui raramente si trovano a lavorare, il legno. Utilizzare sgorbie e mazzuole ha poi portato a rielaborare con una visione più critica concetti chiave, come l’attenzione ai dettagli, la pazienza, la visione prospettica, fondamentali per chi, come questi giovani ragazzi, si approccia a professioni legate alla creatività e la grafica.
Gli studenti hanno così dato vita a una serie di bassorilievi, espressione della loro fantasia, sotto la guida della professoressa Silvia Carminati e del professore Luciano Pontieri, incaricati del progetto, e dei 6 insegnanti dell’Olmo d’Oro – Claudio Ferrarini, presidente dell’associazione, Demetrio Pittau organizzatore del corso, Franco Erreni, Pardo Malorni, Giuseppe Piras e Antonio Villa -.
Le opere saranno orgogliosamente esposte in una mostra che si terrà in entrambe le sedi dell’Istituto Scolastico di Treviglio: dal 4 al 9 maggio presso via Caravaggio, 50 e dal 10 al 17 maggio in Via Galvani, 7. Orari scolastici, entrata libera.