L’associazione Il Mondo delle Intolleranze ha inaugurato ieri, 13 maggio, la prima edizione della “Settimana della celiachia” in programma fino al 17 maggio presso la propria Accademia (via delle Industrie 24, Basiano). Convegni con medici e nutrizionisti, workshop con professionisti del food, ma anche momenti conviviali all’ora dell’aperitivo per fare informazione sull’intolleranza al glutine e imparare ad affrontarla nella vita di tutti i giorni. La manifestazione, fortemente voluta dalla presidente nonché food specialist Tiziana Colombo, alias Nonna Paperina, intende essere un punto di riferimento nella lotta alla celiachia, nemico subdolo e ancora poco conosciuto.

«La “Settimana della celiachia” rappresenta una tappa importante per la nostra associazione, la manifestazione più ampia finora organizzata – ha spiegato Tiziana Colombo, alias Nonna Paperina, presidente e fondatrice de Il Mondo delle Intolleranze -. Siamo riusciti a riunire i nostri specialisti, medici e chef, per organizzare una serie di eventi in cui non solo si facesse una corretta informazione sul tema della celiachia, ma si riuscisse anche a dare a chi ne soffre dei consigli pratici per affrontarla quotidianamente».

La rassegna si è aperta questa mattina con un Press Day dedicato ai giornalisti durante il quale la presidente Tiziana Colombo ha presentato la realtà associativa de Il Mondo delle Intolleranze, mentre il dietista Giovanni Montagna ha illustrato la patologia della celiachia nell’intervento dal titolo “La celiachia, questa sconosciuta”. A conclusione della mattinata si è tenuto il Light Lunch a cura dello Chef Daniele Zennaro del Marciano Excelsior di Venezia.

«Nel 2017 in Italia il numero dei celiaci ha superato i 200mila soggetti, con un incremento annuale che va dai 10mila alle 15mila diagnosi. Attualmente, l’unico trattamento riconosciuto per la celiachia è la stretta aderenza per tutta la vita a una dieta priva di glutine: ciò significa evitare tutti gli alimenti che contengono grano, segale, orzo e i loro derivati, così come il glutine contenuto in prodotti come medicine e integratori», ha spiegato il dietista Giovanni Montagna durante il suo intervento.

Gli appuntamenti

Al via dalla serata del 13 maggio gli appuntamenti aperti al pubblico, a partire dall’apericena gluten free, dalle ore 18.30 alle ore 21.30, sempre a cura dello chef Daniele Zennaro e offerto da Oyster Oasis.

Mercoledì 15 maggio, dalle 20.30 alle 22, Marco Giovanni Monzani, specialista in medicina generale, e Stefano Uberti, osteopata, membri del

Comitato Scientifico de Il Mondo delle Intolleranze, parleranno di celiachia in relazione a una patologia poco nota come la fibromialgia, nel seminario dal titolo “Fibromiaglia, cibi sì e cibi no. Un aiuto dall’alimentazione”.

Giovedì 16 maggio, dalle 14 alle 18, si passerà dalla teoria alla pratica con il corso “Impariamo a fare il pane senza glutine” a cura dello chef Marco Scaglione. Il corso è riservato ai soci ed è organizzato in collaborazione con La Veronese e Nonna Paperina.

Infine, venerdì 17 maggio, a conclusione della Settimana della celiachia, si terranno due eventi organizzati con il patrocinio di AIC (Associazione Italiana Celiachia), alla presenza di Isidoro Piarulli, presidente AIC Lombardia Onlus, e di Giacomo Graci, coreferente AIC Lombardia Onlus Monza-Brianza. Sarà lo chef modenese Marcello Ferrarini a curare l’Happyhour senza glutine a partire dalle ore 18.30, in collaborazione con La Veronese, e dalle ore 20.30 si svolgerà il seminario dal titolo “Glutine amico o nemico?”, a cura di Michele Di Stefano, docente presso l’Università di Pavia, specialista in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva e membro del Comitato Scientifico dell’associazione, e di Simonetta Nepi, presidente dell’associazione Gluten Free Travel and Living.

Associazione “Il mondo delle intolleranze”: nasce nel 2012 su espressa volontà di Tiziana Colombo (attuale Presidente) già fondatrice di blog dal grande seguito dedicati alla cucina per intolleranti. Lo scopo è dichiaratamente a sfondo sociale per l’aiuto e il sostegno a tutti coloro che soffrono di intolleranze verso il glutine, i lieviti, il nichel e il lattosio. Forte di un Comitato Scientifico di medici gastroenterologi, endocrinologi, nutrizionisti e osteopati, si pone l’obbiettivo di trattare l’argomento da un punto di vista medico, alimentare, psicologico e, appunto, sociale.

www.ilmondodelleintolleranze.it